La porta è a pieno titolo un elemento d’arredo e, come tale, va scelta in armonia oppure in contrasto (se si sceglie di metterla in maggiore evidenza) con mobili, pavimenti e rivestimenti a parete. I materiali più utilizzati per la sua realizzazione sono il legno e il vetro, spesso in abbinamento all’alluminio.

Quanto costa una porta a battente?

Da Lorini srl si trovano in vendita anche modelli “base”, che genericamente hanno un costo di partenza molto contenuto, se si prende come esempio una porta a battente, standard, bianca, il costo parte da 140 euro.

Scopri di più

Porta come elemento d’arredo

La scelta della finitura può cambiare aspetto alla porta; se è in essenza o in Mdf può avere finitura naturale o tinta, più tradizionale ma elegante, oppure laccata in una vasta gamma cromatica, dal bianco, ai toni tenui o vivaci, da scegliere in base allo stile dall’arredo.

Scopri di più

Porte a battente in legno, qualità intramontabile

Il legno è un materiale molto usato per le porte, in genere con anta tamburata perché più leggera, composta da una struttura in essenza di legno che ne costituisce l’ossatura, con all’interno una struttura alveolare a nido d’ape.
I pannelli di rivestimento, su entrambe le facce, sono in essenza di legno pregiata, laccati oppure in laminato, materiale sintetico disponibile in molte superfici decorative anche ad effetto legno o tridimensionali.

Scopri di più

Porte con superficie lavorata

Altre variabili estetiche possibili per le porte in legno sono definite dalla superficie che può essere liscia, lavorata con pantografature o con incisioni a base geometrica, con linee, cerchi o figure più elaborate, ma anche con effetto tridimensionali.

Scopri di più

Le porte a battente in vetro

Le porte con anta in vetro devono essere prima di tutto sicure, quindi realizzate con vetro temperato, stratificato o stratificato temperato, che unisce le due lavorazioni.
Il vetro temperato subisce un processo di tempra a temperature altissime e poi viene sottoposto a un veloce raffreddamento che provoca uno shock termico che lo irrobustisce;

Il vetro per le porte è disponibile in un’ampia scelta di finiture: trasparente, satinato opaco, sabbiato con effetto opalescente, ma può avere anche disegni geometrici o naturali sulla superficie oppure avere lavorazioni particolari, come per esempio sottili tessuti inseriti tra le due lastre dell’anta.

Scopri di più

Le porte a battente filomuro

Le porte filomuro sono particolari modelli molto lineari, poiché, oltre ad avere le cerniere a scomparsa, non hanno stipiti, coprifili e cornici, quindi l’anta (da un lato) è in perfetta continuità con la parete e non sporge. Possono essere fornite grezze, da rivestire come la parete, mimetizzandosi, oppure avere finitura in diversi materiali e colori, ad esempio in legno, laccate, in laminato o in vetro.

Per l’installazione è importante sapere che ogni porta ha propri telaio e controtelaio, quindi se avete una porta a battente tradizionale e volete sostituirla con un modello filomuro è necessario togliere la struttura e mettere la nuova.

Scopri di più